Home

 

…il comportamento di un sistema intero, integrato, aggregato, non è predicibile dal comportamento delle sue componenti o da quello dei costituenti delle sue componenti, prese separatamente dall’intero…»
Richard Buckminster Fuller nella sua opera Synergetics (1975)

Ideatrici del massaggio MioDrencopyright:

 Natalia Cozzolino e Viviana Izzo
Immerse nel tessuto manuale per molti anni e precipuamente nel criterio pressorio dello Shiatsu Namikoshi-Palombini, intorno al 2009 sentiamo la necessità di dare forma ad una modalità di toccare il corpo umano che fosse più morbida rispetto allo shiatsu e nel contempo altrettanto incisiva nell’azione rigenerante. Studiamo per circa due anni il nuovo metodo, ci confrontiamo con il dr. Fulvio Palombini. Lo sguardo condivide la prospettiva della tensegrità già suggerita dalla lettura dei “Meridiani Miofasciali” di Thomas W. Myers, assunta da diversi scienziati in vari ambiti tra cui quello della biologia cellulare e per noi musa ispiratrice nella logica della continuità strutturale dell’organismo umano.
Il MioDren ha come obiettivo la stimolazione della fascia connettivale, la liberazione della stessa dal ristagno metabolico, la riattivazione delle funzioni della componente muscolo-motoria.
Il massaggio si esplica attraverso l’azione combinata di movimenti effettuati con i pollici ed i palmi delle mani in sinergia. I pollici individuano linee precise di lavoro e l’intero palmo coadiuva l’azione da svolgere in quel dato punto della fascia. La tensione connettivale indotta innesca risposte vascolari con aumento del flusso sanguigno e conseguenti riscaldamento tessutale e miglioramento della scorrevolezza fasciale.
La continuità strutturale è la chiave di volta. Entrare in contatto con l’organismo, qualsiasi sia il canale utilizzato, significa comunicare simultaneamente con il sistema nervoso, con i tessuti vascolari, con un sistema complesso e unitario, su una continuità nello specifico fasciale che vitalizza l’intero organismo per mezzo di trazioni che essa stessa compie nella rete strutturale.
Il MioDren è in continuità genetica con lo Shiatsu. Condivide  il medesimo incipit filosofico: la forza biologica, dare letteralmente una mano all’organismo nell’incessante opera di rigenerazione e  preservazione, dialogare con il corpo umano nell’intento di cogliere tensioni e rigidità e favorire il rilascio ed il ristoro.

CONTATTACI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...